Casatiello e pastiera, per quanto tempo e come si conservano? Con questi consigli non butti nulla (se avanzano)

Nel periodo di Pasqua i protagonisti sono due: casatiello e pastiera napoletana. Ma come conservarli se avanzano anche dopo le festività?

Siamo durante le festività di Pasqua e si può dire che ogni casa si è attrezzata per preparare i piatti tipici di questo periodo, soprattutto in Campania: il casatiello e la pastiera napoletana. Solo a sentir nominare queste prelibatezze magari ci viene l’acquolina in bocca. Queste sono due prelibatezze che ormai dalla Campania sono diventate famose in tutta Italia e, forse, anche oltre.

come conservare casatiello e pastiera
Il casatiello e la pastiera possono essere conservati per diverso tempo se fatto nel modo giusto – Misterkappa.it

È innegabile dire che questi piatti, tipici delle festività pasquali, sono amatissimi per il loro sapore unico e la loro storia ricca di significato. La cosa triste è che dopo le festività di solito si torna a fare la dieta. Quindi, che fare con gli avanzi? Per quanto tempo possiamo conservarli senza compromettere la loro bontà? Scopriamolo insieme!

Conservare il casatiello

Il casatiello, torta salata partenopea farcita con salumi, formaggi e uova, è un capolavoro culinario che merita di essere gustato al massimo della freschezza. Però per conservarlo al meglio, il segreto sta nella cura e nell’attenzione durante il processo di conservazione. Dopo la preparazione, il casatiello può essere conservato per circa 3-4 giorni. È fondamentale avvolgerlo in un canovaccio di cotone o un panno di stoffa prima di inserirlo in sacchetti per alimenti, garantendo così la sua morbidezza.

per quanto tempo si possono conservare
È bene conservare casatiello e pastiera in appositi contenitori, protetti dall’esterno – Misterkappa.it

Evitate di metterlo in frigorifero, poiché questo potrebbe compromettere la sua consistenza. Il casatiello, ben avvolto e sigillato, può essere conservato in un luogo fresco e asciutto come la dispensa. Prima di servirlo, è consigliabile riscaldarlo leggermente in forno per riportarlo alla temperatura ideale. Ma cosa succede se avanzano delle fette? In questo caso, è possibile conservarle nei sacchetti per alimenti e, se necessario, congelarle. Tuttavia, è importante notare che le uova sode all’interno del casatiello potrebbero alterare il sapore una volta scongelato. Pertanto, se si desidera congelare il casatiello, è meglio farlo prima di aggiungere le uova.

Conservare la pastiera napoletana

La pastiera napoletana è un’altra delizia culinaria da conservare con cura per assicurarsi di preservarne intatto il gusto e l’aroma. Dopo aver preparato e servito la pastiera, è consigliabile conservare il resto in frigorifero. Avvolgetela accuratamente con pellicola trasparente o riponetela in un contenitore ermetico per proteggerla dall’umidità e dagli odori. In frigorifero, la pastiera può essere conservata per circa tre-cinque giorni, tornando a temperatura ambiente prima di servirla se si preferisce morbida.

Se si prevede di consumarla entro 24 ore, la pastiera può essere lasciata a temperatura ambiente, preferibilmente in una credenza o sotto una campana di vetro per proteggerla dalla luce diretta e dalle fonti di calore. Per conservare la pastiera per un periodo più lungo, è possibile congelarla. Avvolgetela accuratamente con pellicola trasparente e alluminio per proteggerla dall’umidità e dagli odori del congelatore. La pastiera può essere conservata in questo modo per diverse settimane, fino a cinque mesi. Quando si desidera consumarla, scongelatela lentamente in frigorifero o a temperatura ambiente, consumandola entro poche ore dalla decongelazione.

In conclusione, sia il casatiello che la pastiera napoletana possono essere conservati per diversi giorni senza compromettere la loro qualità, garantendo così una delizia per il palato in ogni momento.

Impostazioni privacy